Il Giardino del Merlo a Dongo (CO): una meraviglia dimenticata dagli uomini, ma non da Dio – part 2.2

Don Luigi Guanella e il Giardino del Merlo

Quando si parla del Giardino del Merlo non si può non citare Don Luigi Guanella, che scrisse e pubblicò su “L’Ordine” di Como, tra il 1882 e il 1884, il libretto “Memorie passate e presenti intorno alla rocca di Musso, impressioni del visitatore”. Nel Capitolo V (“Una giornata di scuola morale al Giardino del Merlo”), l’Autore descrive poeticamente in forma di saggio didattico ed allegorico le peculiarità botaniche ed architettoniche del Giardino, suddividendolo in tredici parti.

T 301

L’abbandono del Giardino – avvenuto a partire dal 1946 in seguito alla morte della nipote del Manzi, la nobildonna Giuseppina, aggravato dalle attività “distruttive” di estrazione del marmo, dal “libero saccheggio” di piante e manufatti e dalla realizzazione della galleria ANAS sotto di esso – ha causato la perdita irreparabile di molte delle bellezze botaniche ed architettoniche presenti nel Giardino del Merlo descritte dal Guanella.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: